Archivi tag: batteri legati alla genetica umana

Grande capacità di alternanza dei batteri intestinali

Standard

Un fattore di prevedibilità nell’intestino – non appena un batterio lo lascia, un altro è pronto a dividere e a prendere il suo posto. Come riesce il nostro intestino a rimanere sano sottoposto a questo piano di successione costante? Le ricerche indicano che diverse specie di microbi svolgono le stesse funzioni nell’intestino, garantendo la stabilità a fronte di una costante variabilità del microbioma.

Gli esseri umani e i loro microbi sono parte di un antico rapporto simbiotico. Forniamo ai nostri batteri intestinali un posto dove vivere e sostanze nutritive per crescere, mentre di converso ci aiutano a rompere il cibo e a combattere gli invasori più patogeni. Le variazioni giornaliere come i pasti o l’esercizio fisico possono causare per alcuni dei nostri inquilini intestinali la morte, ma queste popolazioni si sono evolute per ricrescere, o essere sostituite da batteri che agiscono in modo simile. Anche con mutevoli specie batteriche, i nostri corpi continuano a funzionare normalmente.

Ma non è sempre questo il caso. Almeno 50 disturbi sono associati ai microbi intestinali che sono stati eliminati in equilibrio, e di molti potenziali trattamenti – dai probiotici ai trapianti fecali – dipendono dall’idea che il microbiota di una persona può essere cambiato in meglio. Il problema è che anche con i miglioramenti associati a queste terapie, non sono purtroppo di lunga durata. C’è qualcosa che porta il microbioma di un organismo nuovo alla base di partenza.

“Ciascuno di noi ha microbi diversi nel corpo, quindi ci sono fattori genetici nell’ospite umano,- dice Review coautore con Andrés Moya, genetista interessato alla biologia evolutiva presso FISABIO-Universitat de Valencia, in Spagna-che rendono gli individui più suscettibili ad ospitare particolari batteri . Non capiamo ancora queste differenze, ed è perciò un problema che bisogna studiare al meglio.”

Moya e Manuel Ferrer del Consejo Superior de Investigaciones Científicas, in Spagna, dicono che la maggior parte del focus di ricerca sui microbi dell’intestino è rivolta a guardare le loro funzioni individuali e la diversità dei microbi intestinali nelle diverse popolazioni. Ad esempio, sappiamo che le persone magre (in trattamento antibiotico) e gli obesi hanno tipi intercambiabili di batteri legati alla demolizione dello zucchero o alla trasformazione dei carboidrati. Quello che non sappiamo è quale ruolo questi batteri svolgono nella comunità più grande del microbioma.

I ricercatori studiano il microbiota umano come un ecosistema intestinale, concentrandosi di più su come le varie specie lavorano tra loro e le nostre cellule. Studi recenti hanno dimostrato un trasferimento genetico importante tra i batteri dell’intestino, indicando che si sono evolute funzioni principali specializzate. Quest’approccio top-down potrebbe aiutarci a capire il ruolo che questi batteri svolgono nel corpo umano e ciò che porta a sintomi clinici quando sono in disbiosi.

“Quando siamo nati, non siamo mai stati soli, -dice Moya, ricercatore dell’Area Genomica e Salute della f ondazione FISABIO- abbiamo già diverse specie batteriche che interagiscono con le nostre cellule umane – e non sono indipendenti, cercano di sopravvivere nel nostro intestino, formando qualcosa come una superspecie .  Il microbioma potrebbe essere l’ultimo organo umano da studiare.”

 

 

 

Lo schema di intercambiabilità dei batteri intestinali

Annunci