Le finalità della missione Aida – la deviazione degli asteroidi-

Standard

LA  MISSIONE  AIM
Un gruppo d’ingegneri ha recentemente iniziato la progettazione preliminare dei contenuti della missione Asteroide Mission Impact

AIM-strumenti

dell’ESA nella quale sono compresi nella costruzione di questi mezzi d’indagine anche quella di un lander. Se la missione verrà portata a compimento il “touchdown” si verificherebbe alla fine del 2022.

Il lander che deve atterrare sull’ asteroide è in fase di studio da parte del Centro aerospaziale tedesco DLR, ed è noto come mobile Asteroid Surface Scout-2, o mascotte-2.  
è già in volo, portato avanti da Hayabusa-2 ,

HAyabusa-Mascot 1

una missione spaziale finanziata del Giappone, che è stato lanciato il 3 dicembre 2014, per sbarcare sul suo asteroide di destinazione entro il 2018.

Quello che segue permette di saperne di più sui progetti legati alla missione AIM.
La Missione Impact Asteroid (AIM) è una piccola missione ESA che prevede l’ opportunità di esplorare e dimostrare l’efficacia di nuove tecnologie per le future missioni, durante l’esecuzione di indagini scientifiche su un asteroide binario e di affrontare, quindi anche il delicato tema della difesa planetaria.
In questo quadro, i principali obiettivi dell’ appuntamento per la navicella AIM con l’asteroide sono:
  • Caratterizzare i componenti primari e secondari di un asteroide binario, Didimo, analizzando la sua struttura, di massa, le proprietà geofisiche, di superficie e sottosuolo dinamico.
  • Dimostrare nello spazio profondo l’efficienza della tecnologia di comunicazione ottica e creare una rete di comunicazione inter-satellitare con Cube Sats e un lander.
  • Distribuire un lander sugli asteroidi Didimo secondario in modo da percepire i suoni della sua struttura interna.
AIM come parte di AIDA
La Missione Impact Asteroid (AIM) fa parte del progetto ESA  che accomuna sulla valutazione d’impatto asteroide & Flessione (AIDA)

 , il Centro Aerospaziale Tedesco (DLR), l’Observatoire de la Côte d’Azur (OCA), la NASA, e la Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory (JHU / APL).

Il doppio Test di rinvio Asteroide (DART), una missione che verrà effettuata dalla NASA, è la seconda componente di AIDA. È costituita da un unica navicella, il dispositivo di simulazione, che dovrà colpire il membro più piccolo di un sistema di asteroidi binari, al fine di cambiare il suo periodo orbitale. Questo evento d’impatto è l’occasione per un veicolo spaziale di fare osservazione e raccogliere dati sulla deflessione degli asteroidi e sulla possibile alterazione di altre caratteristiche fisiche degli asteroidi, causate dall’impatto.
Quando AIM verrà gestito insieme con DART, la missione comprende obiettivi complementari:determinare la quantità di moto causato da un urto di DART misurando lo stato dinamico di Didimo dopo l’impatto e l’immagine del cratere risultante;monitorare l’ambiente polvere prima e dopo l’impatto, in funzione del tempo per consentire la risposta impatto dell’oggetto e quanto viene derivato in funzione delle sue proprietà fisiche. Inoltre, AIM sarà in una posizione ideale per analizzare l’immagine del pennacchio di eiezione, causato dall’impatto, che fornirà dati preziosi per validare i modelli di possibile impatto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...