Biosensori riconoscono resistenza batterica agli antibiotici

Standard

Una ricerca  dimostra che un biosensore è in grado di rilevare la resistenza agli antibiotici nei batteri. Questa nuova tecnologia è il passo preliminare per identificare e combattere superbatteri, grave problema di salute pubblica che ha portato a più morti di AIDS negli Stati Uniti negli ultimi anni.

La tecnologia è il risultato della collaborazione tra il dott. Vitaly Vodyanoy ( Auburn University) e la Air Force Base Keesler con un finanziamento della United States Air Force.

Louis Pasteur e Robert Koch furono i primi , nel 1877, a caratterizzare come antibiotica, la capacità di una sostanza chimica di uccidere le cellule batteriche. Da allora, la comunità medica e i biochimici hanno fatto grandi progressi nel trattamento delle infezioni batteriche. Questi progressi hanno contribuito a ridurre la mortalità nell’infanzia e hanno contribuito alla crescita della popolazione del 20 ° secolo. Tuttavia, la selezione naturale ha permesso ai batteri resistenti agli antibiotici di prosperare e propagarsi, e la continua esposizione ha portato allo sviluppo di “superbatteri” che sono resistenti a diversi tipi di antibiotici.

“Batteri resistenti agli antibiotici – dice il dott. Vodyanoy – sono un problema serio. E ‘molto importante [nel trattamento di un paziente] distinguere tra batteri normali e resistenti, se si dispone di un caso di resistenza si debbono prendere misure particolari per curarla.”

La tecnologia del dott. Vodyanoy approfitta dei batteriofagi, virus semplici che possono colpire e uccidere i batteri.                                                                                                                                              Un batteriofago, quando è combinato con anticorpi specifici, può essere usato per produrre un cambiamento di colore fisico in un campione che indica la resistenza agli antibiotici. Questa tecnologia sarà preziosa per i medici che cercano di curare i pazienti e puntano a disinfettare le strutture ospedaliere.

In particolare, questa tecnica si rivolge a germi antibiotico resistenti Staphylococcus , uno dei primi patogeni caratterizzati come un superbatterio. Staphylococcus , comunemente indicato come stafilococco, spesso è una condizione della pelle fastidiosa, dopo essere stata curata con antibiotici comuni. Tuttavia, le variazioni dei batteri stafilococco possono trasformarsi in mortali quando infettano i pazienti immuno-compromessi o organi interni come polmoni e le vie respiratorie. La malattia è di particolare interesse per ospedali, carceri e rami delle forze armate, in cui gli individui sono a rischio di infezione da distanza ravvicinata, per condizioni non igieniche.

“Nel nostro metodo, -spiega il dott. Vodyanoy- possiamo determinare resistenza batterica agli antibiotici in 10-12 minuti, mentre altri metodi prendono ore, per questa determinazione”. Metodi alternativi utilizzati per rilevare la resistenza agli antibiotici devono avere fasi intensive di tempo,prima della purificazione e l’avvio di protocolli di sequenziamento multi-hour.

con i batteriofagi si possono sconfiggere i superbatteri

con i batteriofagi si possono sconfiggere i superbatteri

“Prevediamo un futuro in cui i medici fanno le prove con veri campioni di sangue o di saliva. Il virus è del tutto benigno per gli esseri umani, e speriamo di usarlo per rendere le superfici antimicrobiche come un arma  per uccidere i batteri.”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...