Scoperto il peptide che distrugge il biofilm dei batteri

Standard

Il biofilm una comunità strutturata di batteri

Il biofilm una comunità strutturata di batteri

I ricercatori della University of British Columbia hanno identificato una piccola molecola che impedisce la formazione di batteri nel biofilm, una frequente e importante causa di infezioni.                                                                           Il peptide anti-biofilm funziona su una gamma di batteri tra cui molti che non possono essere trattati con antibiotici.

“Attualmente c’è un problema grave -spiega Bob Hancock,  professore nel Dipartimento di UBC di Microbiologia e Immunologia e autore principale dello studio -con microrganismi antibiotico-resistenti. Il nostro intero arsenale di antibiotici sta gradualmente perdendo efficacia.”

Molti batteri che crescono sulla pelle, polmoni, cuore e altre superfici di tessuti umani formano il biofilm, una comunità altamente strutturata di batteri che sono responsabili di due terzi di tutte le infezioni umane.                                                

Non ci sono trattamenti approvati per le infezioni da biofilm e i batteri nel biofilm sono molto più resistenti agli antibiotici standard.

Hancock e suoi colleghi hanno scoperto che il peptide conosciuto come 1018 – composto di soli 12 aminoacidi, i mattoni delle proteine ​​– distrugge i biofilm e impedisce loro di formarsi.

I batteri sono generalmente divisi in due classi, Gram-positivi e Gram-negativi, e le differenze nelle loro strutture, della parete cellulare li rendono sensibili a diversi antibiotici. 1018 lavora bene su entrambe le classi di batteri così come su diversi importanti patogeni resistenti agli antibiotici, tra cui Pseudomonas aeruginosa , E. coli e MRSA.

“Gli antibiotici sono la medicina di maggior successo del pianeta. La mancanza di antibiotici efficaci -dice Hancock – porterebbe a profonde difficoltà in importanti interventi chirurgici, alcuni trattamenti di chemioterapia, trapianti, e persino lesioni lievi. La nostra strategia rappresenta un avanzamento significativo nella ricerca di nuovi agenti che colpiscono specificamente i biofilm batterici.”

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...