Ferro ridotto in nanoparticelle riduce l’anidride carbonica

Standard

Blogger: Giuseppe Benanti - Modifica post

Gocce d’acqua nelle nuvole generalmente si formano attorno polvere e altre particelle. Quando le nubi evaporano, come spesso accade naturalmente, la superficie della particella può diventare molto acida. Questo è particolarmente vero in zone nelle quali l’aria è inquinata. Paradossalmente, gli scienziati suggeriscono che l’industria su larga scala in paesi come la Cina potrebbe costituire una lotta efficace  in una certa misura contro il riscaldamento globale, creando ferro più biodisponibile negli oceani, e quindi aumentando la rimozione di anidride carbonica dall’atmosfera.

Gli scienziati dell’Università di Leeds hanno dimostrato che l’acido in atmosfera rompe le particelle più grandi di ferro trovati nelle polveri  d’ aggregazione delle gocce di pioggia, in piccole nanoparticelle di ferro, estremamente solubili, più facilmente utilizzate dal plancton.

Questo è un dato importante perché la mancanza di ferro può essere un fattore limitante per la crescita del plancton nel mare – in particolare negli oceani meridionali e parti del Pacifico orientale. L’aggiunta di tali nanoparticelle di ferro innescherebbe un maggiore assorbimento di anidride carbonica dall’atmosfera.

“Questa potrebbe essere una scoperta molto importante perché c’è solo una piccola quantità di ferro solubile in mare e se -dice  Zongbo Shi, autore principale della ricerca della Scuola di Terra e Ambiente presso l’Università di Leeds- il plancton utilizza le nanoparticelle di ferro che si formano nelle nuvole allora l’intero flusso di ferro biodisponibile agli oceani deve essere rivisto.”.

Gocce d’acqua nelle nuvole generalmente si formano attorno polvere e altre particelle. Quando le nubi evaporano, come spesso accade naturalmente, la superficie della particella può diventare molto acida. Questo è particolarmente vero nelle zone in cui l’aria è inquinata.

Paradossalmente, gli scienziati suggeriscono che l’industria su larga scala in paesi come la Cina potrebbe essere decisivi  nella lotta al riscaldamento globale, in una certa misura, creando ferro più biodisponibile negli oceani, e quindi aumentando la rimozione di anidride carbonica dall’atmosfera.

“L’inquinamento artificiale aggiunge più acido all’atmosfera , -spiega Shi- e quindi può favorire la formazione di più nanoparticelle di ferro”.

Gli scienziati hanno effettuato la ricerca simulando nuvole in laboratorio a cui si aggiungono campioni di polvere del Sahara. Sono stati poi in grado di riprodurre le condizioni naturali al fine di monitorare i processi chimici che avvengono nel sistema.        Gli esperimenti di laboratorio sono stati confermati in campioni naturali in cui tale trattamento nella nube è noto che si sono verificati.

I risultati evidenziano la complessità del modello di fornitura di ferro naturale agli oceani, gettando nuova luce sui recenti progetti di alto profilo per aggiungere ferro negli oceani meridionali, artificialmente, in modo da stimolare la crescita del plancton.

“Questo processo sta accadendo in nuvole di tutto il mondo,-dice Michael Krom , ricercatore principale della ricerca, presso l’Università di Leeds- ma ci sono conseguenze particolarmente interessanti per gli oceani. Ciò che si è scoperto è una fonte precedentemente sconosciuta di ferro biodisponibile che viene consegnato alla superficie terrestre nelle precipitazioni”,.

La ricerca è stata finanziata dal Natural Environment Research Council.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...