Il gatto di Schrodinger

Standard

Uno dei paradossi della fisica quantistica

Gatto di Schrödinger: Un gatto, un fiasco di veleno e una sorgente radioattiva sono posti in una scatola sigillata. Se un monitor interno rileva radioattività, il pallone è in frantumi, rilasciando il veleno che uccide il gatto. L’interpretazione di Copenhagen della meccanica quantistica implica che dopo un po ‘, il gatto è contemporaneamente vivo e morto. Eppure, quando guardiamo nella casella, si vede il gatto sia vivo o morto, non entrambi vivi e morti.

In pratica una particella elementare possiede la capacità di collocarsi in diverse posizioni e anche di esser dotata di quantità d’energia diverse al medesimo istante. Per quanto “assurde” secondo il nostro modo di pensare, queste strane proprietà della materia e dell’energia corrispondono alla realtà del mondo dei quanti. Le particelle subatomiche sono “delocalizzate” nello spazio e nel moto, per cui, fra un’osservazione e l’altra, si comportano come se stessero in più luoghi contemporaneamente. Solo quando una particella delocalizzata viene osservata con un esperimento che, inevitabilmente, ne modifica il livello energetico, la quantità di moto e la posizione, essa verrà individuata con determinati valori delle proprie variabili tra i vari possibili.

Ritornando al caso del gatto, fino a quando l’atomo non si disintegra (e questo evento dipende unicamente dalla natura dell’atomo radioattivo scelto, quindi è un evento unicamente probabilistico), emettendo la particella che aziona il marchingegno letale, il gatto è sicuramente vivo; viceversa, al decadimento dell’atomo, il gatto va certamente incontro alla morte.                     

Il_gatto_di_schrodinger

Ma lo stato quantico dell’atomo è determinato dall’osservazione, e pertanto, se non si apre il contenitore, non risulta determinato neppure il destino dell’animale, che di conseguenza può essere considerato al contempo sia vivo sia morto. Il paradosso, solo apparente, sta proprio qui: è soltanto l’osservazione diretta che, alterando i parametri basali del sistema e determinando, come detto, lo stato quantico dell’atomo, attribuirà anche al gatto uno stato “coerente” con la nostra consueta realtà (si vedrà successivamente a proposito dell’interpretazione del paradosso che, secondo una corrente di pensiero, pur essendo valido in linea generale tale concetto, l’interazione di un elemento “quantistico” come l’atomo radioattivo con un apparato macroscopico come il contatore Geiger modifica fin dall’inizio la situazione).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...