I batteri marini che sfruttano la bioluminescenza

Immagine

Sono molte le creature che emettono bagliori o meglio bioluminescenza nel mare e, nelle profondità delle trincee più profonde degli oceani.                                                                                                                                                                                                                  La bioluminescenza è stata osservata anche in alcuni batteri marini, che emettono una luce fissa una volta che hanno raggiunto un certo livello di concentrazione di particelle organiche, nelle acque oceaniche, fenomeno che è noto come quorum sensing.In un nuova ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS), i ricercatori della Hebrew University di Gerusalemme hanno scoperto che la luce emessa dai batteri attrae i predatori, generalmente zooplancton, che ingeriscono i batteri, ma non sono in grado di digerirli. I batteri continuano a crescere all’interno dello zooplancton, che viene poi attaccato dai loro stessi predatori, i pesci, che possono facilmente individuare lo zooplancton incandescente o meglio luminoso.In laboratorio, il pesce notturno  ingerisce facilmente il plancton luminoso, mentre non viene attratto dallo zooplancton, che ha subito mutazioni genetiche per prevenire il fenomeno della bioluminescenza.

Bacteria_bioluminescenti_in_dischi_di_petri
Zooplankton_bioluminescente

I batteri di questa particolare specie sopravvivono anche nel passaggio dallo zooplancton al pesce. Una volta che raggiungono il sistema digestivo, i batteri marini hanno raggiunto il loro obiettivo, dal momento che quest’ultimo è pieno di sostanze nutritive. Il fenomeno del quorum sensing  regola la bioluminescenza batterica e spiega che lo zooplancton che emette luce in acqua indica la presenza di una ricca fonte di materiale organico, materiale su cui i batteri crescono. Lo zooplancton corre il rischio di diventare esso stesso incandescente o meglio visibilissimo, perché  la quantità di cibo della quale è possibile nutrirsi, è piuttosto rara. Quindi vale la pena perciò di esporsi alla presenza,anch’essa relativamente rara, di pesci predatori.              [via Alpha Galileo]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...